Nasce la YouTube TV. Come i social sfidano i mezzi tradizionali

Nasce la YouTube TV. Come i social sfidano i mezzi tradizionali

Di recente YouTube, la più nota piattaforma di live video streaming, ha annunciato il lancio di una nuova sfida chiamata YouTube TV. Niente gattini e video amatoriali: scopriamo qualche dettaglio su YouTube TV.

 

YouTube TV, tv a pagamento con oltre 40 canali 

Chi non ama particolarmente YouTube proprio per il suo eccesso di “artigianalità” può stare tranquillo: YouTube TV si pone come una vero e proprio concorrente delle TV a pagamento.

Al momento non si hanno ancora dati certi, ma a quanto si evince dalla conferenza stampa YouTube TV offre un pacchetto mensile comprendente oltre 40 canali TV, tra cui le rinomate reti di news come ABC, CBS, NBC, Fox e canali come Disney Channel e ESPN, al costo di $35 al mese.

 

YouTube TV: le principali caratteristiche 

YouTube TV è a tutti gli effetti un nuovo, temibile concorrente per tutte le TV a pagamento. Ma con alcune differenze sostanziali.

Innanzitutto, YouTube desidera intercettare un target più giovanile. E per fare questo si propone con alcune caratteristiche che non tutte le TV a pagamento hanno:

  • 35 dollari: è il costo mensile per il pacchetto offerto da YouTube TV;
  • Facile cancellazione: “zero rischi” perché in qualsiasi momento il servizio può essere disdetto;
  • Nessun decoder o cavo: YouTube TV è visibile in streaming grazie a una normalissima connessione internet;
  • Accesso da 6 dispositivi: con un’unica utenza si può accedere da smartphone, tablet e TV fino a un massimo di 6 strumenti. YouTube TV funziona con Chromecast, Google Home, ogni tipo di computer, telefoni e tablet iOS e Android;
  • Stream simultanei: massimo 3 stream in simultanea per account;
  • Registrazione: alcuni contenuti possono essere registrati, con uno storage cloud illimitato per 9 mesi.

Non si conosce ancora la data ufficiale della messa online di YouTube TV. Si sa solo che, almeno in una fase iniziale, sarà disponibile solo in alcune delle maggiori città degli gli Stati Uniti: questo perché alcuni canali locali come ABC e Fox devono essere negoziati separatamente con la rete del posto.

Non si ha certezza nemmeno sul numero e sulla tipologia di canali: dalla conferenza stampa al lancio molte altre reti potrebbero essere aggiunte, in quanto i vertici sono impegnati a stringere accordi con le emittenti di loro interesse. Il prezzo in ogni caso resterà quello annunciato.

 

YouTube TV: il social che va oltre al social 

Il caso YouTube TV apre a un nuovo mondo: il social che va oltre al social. Un po’ come potrebbe accadere con la banca di Facebook.

Si può parlare, nel caso di YouTube, di “allargamento” o, peggio, di “sfruttamento” del nome? Un brand famoso come YouTube che si lancia nel mondo delle TV a pagamento non è un evento che può passare inosservato. Ma ricordiamoci che YouTube, così come tutta la realtà Google, è prima di tutto un’azienda che deve fatturare. Dunque non vediamo nulla di male in questo passo. Anzi: se la proposta per l’utente è valida e ha caratteristiche interessanti che la rendono più appetibile rispetto alla concorrenza, almeno per una fetta di pubblico, ben venga.

Ricordiamo inoltre che in qualche modo il concetto di social dovrà pur evolversi: non sappiamo ancora né come né quando, ma questa mossa di YouTube ci lascia presagire che in un futuro non troppo lontano qualcosa di davvero grosso dovrà accadere.

Qual è il tuo Progetto?

Ti aiuteremo a raggiungere i tuoi obiettivi e a far crescere le tue idee.

TELEFONO

0365 896013

EMAIL

assistenza@ideattiva.com

INDIRIZZO

Via F.lli Reguitti 1 - 25071 - Agnosine - BS - Italy

© 2021 Ideattiva Srl - Cap. soc. 12.000,00 € int. vers. Reg. impr. Bs, c.f. e p.iva 02850070984 Cciaa Bs rea n. 484249 A.I.A. n.155919

Privacy Policy | Cookie Policy | Condizioni di servizio