Facebook: quanto conta il numero di like?

Facebook: quanto conta il numero di like? - Ideattiva Web

Quando si cerca una web agency o un social media manager cui affidare la gestione delle pagine social della propria azienda, spesso si assiste a una “gara tra numeri”: un interlocutore garantisce di raggiungere su Facebook un TOT numero di like, un altro un TOT+1 numero di like, e così via.

Diffidare o no da proposte di questo tipo? Ma soprattutto: quanto conta il numero di like sulla pagina Facebook?

 

Facebook: la legge dei grandi numeri 

Sono ancora in molti a pensare che i grandi numeri su Facebook contino. Secondo noi questo poteva avere senso fino a 3 - 4 anni fa: ora le cose sono cambiate e gli algoritmi della piattaforma social di Mark Zuckerberg si sono evoluti.

Il mondo social e business non è però ancora pronto a un cambio di prospettiva: a parità di azienda, di offerta di prodotti e servizi, di buona gestione social, il 90% delle volte un potenziale cliente attento ai dettagli partirà con una considerazione maggiormente positiva verso l’azienda che ha più like, forse senza sapere che… i like si possono anche comprare.

 

Facebook: acquisto di like… e non solo 

La verità è ancora più ampia: non solo si possono comprare like, ma si possono acquistare anche condivisioni e commenti.

È sufficiente digitare in Google “acquisto like facebook”, “acquisto condivisioni facebook”, “acquisto commenti facebook” per vedere quanti siti - alcuni di dubbia qualità - si propongo per attività di questo tipo.

E poi ovviamente c’è la piattaforma Facebook Ads: si può scegliere tra numerosi tipi di inserzioni, tra cui i “Mi Piace” alla pagina e le “Interazioni con i Post” della pagina. Insomma, ce n’è per tutti i gusti, per tutti i budget e per tutte le necessità.

Eppure molti sembrano non accorgersi: se vedono un brand nemmeno troppo noto con 1 milione di like restano impressionati, e il brand in questione acquisisce credibilità ai loro occhi. Uno stesso brand con una crescita di traffico e di like in modalità organica, che magari ha investito soldi nel lavoro di un bravo social media manager, rischia di passare inosservato.

 

Facebook: organico VS a pagamento

Non intendiamo dire che le inserzioni a pagamento non siano utili: soprattutto in fase di lancio o in momenti di calo, una piccola spinta con una campagna pubblicitaria può dare una mossa alla pagina e farla uscire da una situazione di stallo. Se poi si targetizza bene la campagna, i like acquisiti dovrebbero (almeno teoricamente) provenire da persone interessate al prodotto / servizio.

Il problema vero è quando le inserzioni a pagamento prendono il sopravvento sulla gestione manuale, organizzata e ordinaria, facendo della pagina una vetrina incapace di proporsi e in balia della prossima campagna pubblicitaria: nessun brand deve permettere che questo accada, perché è assolutamente deleterio, non sempre nel breve ma di sicuro nel lungo termine..

Un social media manager preparato e professionale è capace di far crescere la pagina svolgendo un accurato lavoro di:

  • Analisi del target,
  • Analisi del miglior momento della giornata e della settimana per la pubblicazione dei post;
  • Analisi delle appropriate call to action;
  • Studio di messaggi pertinenti e interessanti;
  • Gestione dei commenti;
  • Creazione di engagement attraverso l’individuazione di gruppi tematici in cui condividere i post.

Un’attività a pagamento non è in grado di dare tutto questo: molto spesso nel concreto la crescita di like resta fine a sé stessa, e non si guadagna in condivisioni e interazioni sui post. Insomma, vedere una pagina con 100.000 like e con massimo 10 “mi piace” ai post e 1 o 2 commenti (quando va bene) è controproducente. Oppure bisogna spendere davvero tanti soldi… senza fermarsi mai.

E poi c’è la questione algoritmo. Come sempre (ad esempio come accade per Google) questi temi sono abbastanza “segreti” per cui possiamo solo ragionare in base ad analisi ed esperienza: Facebook dà maggiore rilevanza a pagine in cui c’è relazione e un potenziale e reale interesse. Le mostra più spesso nello stream di notizie (se ci fate caso, nella vostra bacheca non vi compaiono tutti i post pubblicati dalle pagine cui siete iscritti…) e fa vedere con maggiore frequenza quando un vostro amico commenta o mette mi piace a un post.

 

In conclusione

Un social media manager di buon livello può costare forse più di una campagna pubblicitaria, ma i benefici che un’attività condotta per bene porta sono molto, molto maggiori rispetto a quanto accade con un’inserzione. Senza dimenticare che le piattaforme pubblicitarie spingono per il perdurare delle pubblicità a pagamento, stimolando a un continuo investimento e creando un giro da cui può essere difficili uscire soddisfatti.

E non scordate di educare i vostri clienti affinché guardino le reali interazioni della pagina e non si limitino solo al numero dei “mi piace”.

Qual è il tuo Progetto?

Ti aiuteremo a raggiungere i tuoi obiettivi e a far crescere le tue idee.

TELEFONO

0365 896013

EMAIL

assistenza@ideattiva.com

INDIRIZZO

Via F.lli Reguitti 1 - 25071 - Agnosine - BS - Italy

© 2021 Ideattiva Srl - Cap. soc. 12.000,00 € int. vers. Reg. impr. Bs, c.f. e p.iva 02850070984 Cciaa Bs rea n. 484249 A.I.A. n.155919

Privacy Policy | Cookie Policy | Condizioni di servizio