Web agency brescia, Realizzazione siti web e App mobile - Ideattiva

Il blog di Ideattiva

La nuova era delle mail interattive e navigabili: Google lancia AMP for Email

La nuova era delle mail interattive e navigabili: Google lancia AMP for Email

Google lancia AMP for Email, una nuova era che restituisce linfa vitale a uno strumento di inbound marketing per molti defunto: l’email marketing. Scopriamo di più.

AMP for Email: il nuovo modo di fare email marketing 

Pochi giorni fa Google ha annunciato una grossa novità agognata da tanto tempo e che ora finalmente sta per diventare realtà: parliamo di AMP for Email, la piattaforma che rimescola le carte delle mail e soprattutto dell’email marketing.

Con AMP for Email cambia radicalmente il modo di interfacciarsi con l’utente: la mail non è più “passiva”, ma diventa uno strumento attivo, navigabile, interattivo e aggiornato in tempo reale. Ed è completamente autonomo e autoalimentato: non è più necessario uscire dall’ambiente “mail” e trovarsi catapultati in un browser per compiere le azioni desiderate. O, per meglio dire, le azioni che il mittente dovrebbe compiere secondo il destinatario.

Come è possibile tutto questo? Grazie alla tecnologia che sta alla base delle AMP, le Accelerated Mobile Page di cui abbiamo già parlato nel nostro post “AMP, un aiuto per la SEO?”, e che ora corre in aiuto anche delle mail.

AMP & Email: obiettivi e specifiche (per tutti) 

Innanzitutto cerchiamo di capire l’obiettivo: cosa ha spinto Google verso questa ennesima rivoluzione? Partiamo dall’attuale situazione delle mail: strumento indispensabile per milioni di utenti e aziende, essa presenta oggi contenuti statici, non aggiornati e che spesso necessitano di un browser per essere approfonditi o per completare l’azione (acquisto, richiesta di informazioni, compilazione di form etc). L’attuale dinamica è molto fastidiosa e riduce il tasso di conversione, in particolar modo quando l’utente naviga tramite smartphone o tablet, dove aprire un browser esterno talvolta richiede tempo e genera confusione.

Google desidera avviare una nuova era dello strumento di posta elettronica rendendo i contenuti presenti nelle mail navigabili, dinamici e più interattivi. In una parola: più moderni. E per farlo sfrutta il progetto AMP, già utilizzato per i contenuti web.

AMP for Email è una piattaforma aperta, utilizzabile da ogni sviluppatore per qualsiasi client di posta. Ciò rientra nell’obiettivo di Google di rendere AMP un formato universale: le specifiche di AMP for Email consultabili a questo link non sono dunque circoscritte solo a Gmail.

I vantaggi di usare AMP for Email 

Modernizzare le proprie mail con la tecnologia del progetto AMP per creare una maggiore interazione con gli utenti ha indubbi vantaggi:

  • Esperienza di lettura ricca, coinvolgente e focalizzata alla CTA;
  • Inserimento di animazioni, form compilabili, bottoni di acquisto servizi e richiesta informazioni: l’utente svolge l’azione direttamente nell’ambiente mail, senza rimando al browser. Questo è un valore aggiunto di enorme importanza soprattutto per la navigazione da mobile;
  • Ottimizzazione della user experience, con un dialogo più diretto e fluido con l’utente rispetto all’utilizzo di landing page;
  • Contenuti aggiornati in tempo reale: i dati dialogano direttamente con il tuo back-end.

 

In merito a quest’ultimo punto, pensiamo ad esempio al mail marketing di hotel & alberghi, i primi a lasciarsi coinvolgere da AMP for Email (vedasi Booking): inviare mail e DEM interattive e con strutture e tariffe sempre aggiornate ai propri utenti riduce notevolmente sforzi, tempo e spese e allo stesso tempo rende la proposta più affidabile e senza margini di fraintendimento.

Una grande rivoluzione che cambierà le carte anche di SEO on-site e di vendita e tracciabilità del servizio mail marketing? Fino a che punto le agenzie dovranno reinventarsi, e come? Staremo a vedere.

E se anche tu vuoi implementare AMP for Email e stupire il tuo target con messaggi di posta elettronica innovativi e interattivi, contattaci subito!

 

 

19 febbraio 2018