Web agency brescia, Realizzazione siti web e App mobile - Ideattiva

Il blog di Ideattiva

Il team di una start-up: dalla creazione al successo

Il team di una start-up: dalla creazione al successo

Abbiamo già visto i primi passi per creare la tua start-up, toccando il tema delle “persone giuste”: di quanti e quali collaboratori hai bisogno per far sì che la tua idea innovativa diventi davvero vincente?

Team della start-up: professionisti che si completano

In un team di start-up non esistono doppioni, almeno agli inizi: se poi si cresce, ben venga. Ma quando si parte ognuno deve avere un ruolo ben definito e occuparsi della specifica parte assegnatagli.

Di sicuro nel team di una start-up non possono mancare:

 

  • Figura commerciale: deve saper vendere con cognizione, facendo l’interesse dell’azienda e del cliente. Prendersi gioco degli interlocutori non porterà lontano: meglio usare la sensibilità e proporre prodotti e servizi davvero utili e di cui l’utente sarà soddisfatto. I commerciali che giocano carte false per vendere al giorno d’oggi non funzionano più;
  • Figura tecnica: a qualunque ambito appartenga la tua start-up, ci vuole una persona che si faccia carico degli aspetti “tecnici”, dalla digitalizzazione al sito internet, dalla struttura hardware e software ai gestionali. Se il tuo tecnico ha carenze su certi aspetti, non c’è problema: può farsi seguire da un consulente esterno. L’importante è che sia in grado di apprendere velocemente, per poter scegliere il meglio per la realtà aziendale;
  • Figura operativa: quando il commerciale è presso il cliente e il tecnico è impegnato con i suoi task, ecco che emerge un’alta figura assolutamente fondamentale per una start-up: quella operativa. Parliamo di colui (o colei) che porta avanti il progetto ad esempio aggiornando il sito internet, rispondendo alle e-mail, facendo assistenza al cliente, creando slides e presentazioni. Questa figura può anche ricoprire il ruolo di addetto alla comunicazione e al marketing, oppure essere da esso distinta. La parte operativa, spesso sottovalutata, è il cuore di ogni progetto;
  • Figura amministrativa: talvolta la parte amministrativa viene assegnata alla risorsa con meno incombenze, anche se priva di esperienza in questo campo. Per una start-up che deve centellinare le proprie forze è una soluzione, ma ricordiamoci che la gestione amministrativa richiede molto tempo, precisione maniacale e anche conoscenze di base che è necessario avere per non fare danni… e trovarsi a dover sistemare tutto in un secondo momento;
  • Figura manageriale: in tutto questo non può mancare il “manager”, colui che tira le fila del progetto e di ogni singolo task, la persona che è capace di trovare sempre una soluzione e e di sviscerare ogni problema. È un’importante figura di riferimento all’interno di un team.

Team della start-up: la motivazione che fa la differenza

Per quanto sia stimolante e a tratti elettrizzante, fare parte di una start-up non è sempre facile. Le cose potrebbero non andare come si era sperato, tante sono le difficoltà che emergono e di cui non si era tenuto conto e addirittura si potrebbe avere problemi nella gestione del budget: non sono pochi gli startupper che si autoriducono lo stipendio per pagare le altre risorse, in attesa di tempi migliori.

Per questo è fondamentale individuare persone che vogliano far parte del progetto perché ci credono, perché lo sentono anche loro. E che sono disposte a crescere: non tutte le persone con competenze già acquisite hanno la “forma mentis” giusta per una start-up, anzi spesso sono quelle con minor esperienza ma con una forte motivazione a crescere e migliorarsi esponenzialmente sino a diventare dei veri e propri leader nel loro ambito.

Team della start-up: come trovarlo?

Spesso le start-up nascono da un incontro pregresso, dagli studi universitari o comunque da una condivisione di intenti e idee ancora prima che questi prendano la forma di una società. Anche se nessuno può garantire al 100% che questi siano i presupposti per fare business a lungo termine, di sicuro è una buona base di partenza.

In alternativa ci si può affidare alle società di recruitment di alto livello, oppure a siti specializzati che ti aiutano a trovare un socio o un Business Angel.

Concludiamo dicendo che trovare il team perfetto di una start-up è molto difficile, ma non certo impossibile: va visto come un percorso in divenire, dove probabilmente ti troverai a dover cambiare qualche risorsa su cui avevi puntato e che invece si è trovata inadeguata per il tuo progetto.

24 ottobre 2017